.: Il sito dedicato ad Acquarica di Lecce :.
 
  Home



Area Privata

Benvenuto Anonimo, se ti registri puoi accedere alle aree riservate e personalizzare il Sito.
Per registrarti clicca su
'Login Utenti'
e segui le istruzioni!

   Login Utenti
:: Amministratore ::

Visite
Pagine viste
1960569
dal Settembre 2000




Belsalento
BelSalento.it



Google
You translate the Site
in English




   Home > Cenni Storici > La Nostra Lingua
La Nostra Lingua

Il Salento è caratterizzato da una storia linguistica intensa e complicata, fortemente segnata dalla dominazione romana iniziata nel 269 a.C. .

Ancora prima di Roma, Taranto, città di origine greca, aveva invano combattuto i Messapi, antichi abitanti, per tentare di sottometterli.

Sino alla conquista romana i Messapi continuarono a parlare la loro lingua ma successivamente ad essa il passaggio al latino fu immediato e totale. La notevole differenza esistente tra le due lingue non permise fusioni e prestiti reciproci, cosicchè rimangono a noi solo esigue tracce della lingua in uso presso questo antico popolo.

Il Salento dominato dai Messapi non presenta tracce del greco dorico o del greco pre-bizantino, né tantomeno del greco di Taranto. Sono invece presenti ancora oggi, nell'entroterra Salentina, gruppi di lingua grecanica, discendenti delle colonie greche, insediatisi nel Salento nel periodo di dominazione Bizantina (dal 535 al 1071).

I Bizantini contribuirono a preservare i dialetti salentini dalle innovazioni linguistiche apportate dalla dominazione Longobarda che si estendeva su gran parte del territorio italiano. I Longobardi, infatti, non riuscirono ad espugnare i territori del Salento, della Calabria meridionale e della Sicilia nord orientale, che restarono interamente sotto il dominio Bizantino sino all'unificazione dell'Italia meridionale ad opera dei Normanni, avvenuta intorno all'anno Mille.

Ugualmente il sistema politico introdotto dai Normanni contribuì alla conservazione linguistica dei dialetti salentini in quanto la Terra d'Otranto, per quasi un millennio (fino al 1860), costituì una provincia di quel Regno napoletano caratterizzato per tutta la sua esistenza da unità politica e culturale.

Possiamo quindi affermare che il Salento possiede un dialetto proprio, particolare, continuazione diretta della lingua introdotta dai Romani più di 2000 anni fa e che si avvicina maggiormente ai dialetti tipici della Calabria e della Sicilia, piuttosto che a quelli parlati nella vicina Terra di Bari.





[ Indietro ]

Novembre 2017
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Cartoline



Museo





Ai sensi dell art. 1, comma III della L. n. 62 del 7/3/2001 si dichiara che questo sito non è un prodotto editoriale e che viene aggiornato con periodicità irregolare.

Privacy e legalità : I dati inseriti NON saranno utilizzati per altre pubblicità o spamming,
NON verranno comunicati a terzi e saranno custoditi secondo la nuova Legge sulla Privacy (D.L. 30 giugno 2003 n. 196).
Ai soli iscritti alla nostra mail-list, saranno inviati, sporadicamente, messaggi inerenti alle finalità del Sito.
Si ricorda inoltre che non è consentito usare questo strumento per fini contrari alle leggi.

Si ricorda a tutti gli Utenti di fare buon uso della Rete.
Si consiglia di visionare il sito con risoluzione video minima di 800x600

(Pagina generata in 0.1 secondi)




Scarica Ubuntu!

www.apache.org

www.linux.org         www.php.net          www.mysql.com

LibreOffice

Enciclopedia libera ad accesso gratuito


Accesso e supporto remoto via Internet con TeamViewer A S S I S T E N Z A