.: Il sito dedicato ad Acquarica di Lecce :.
 
  Home



Area Privata

Benvenuto Anonimo, se ti registri puoi accedere alle aree riservate e personalizzare il Sito.
Per registrarti clicca su
'Login Utenti'
e segui le istruzioni!

   Login Utenti
:: Amministratore ::

Visite
Pagine viste
1960341
dal Settembre 2000




Belsalento
BelSalento.it



Google
You translate the Site
in English




   Home > Cenni Storici > Vernole e Frazioni
Vernole e Frazioni

I primi insediamenti in questo ampio territorio risalgono all'età del bronzo, come testimoniano numerose specchie, menhir ed altri reperti ritrovati nei siti archeologici oggetto di studio da parte dell'Università di Lecce.
Menhir a Pisignano Pagliaro ( Costruzione a secco ) Denominatore comune dell'età del bronzo e della civiltà messapica è l'utilizzo delle pietre. Il Menhir Mater Domini di Pisignano risale all'epoca preistorica; ha forma di un parallelepipedo allungato, conficcato nel suolo ed è rivolto da nord a sud, come d'altronde ogni altro menhir. Quanto al loro scopo le opinioni comuni tendono ad attribuire a questi monumenti un significato religioso o funerario. Le popolazioni dell'età del bronzo hanno lasciato testimonianza della loro presenza sul territorio con la elevazione di alti cumuli di pietre: le specchie. Sistema di difesa a torre conica o tumuli funerari esse hanno costellato il territorio salentino e certamente costituiscono il prototipo del pagliaru, la più tipica architettura a secco locale.
Nella storia antica il comprensorio ebbe una straordinaria importanza in quanto zona di transito e stazione di posta lungo la via Traiana che da Roma, per Brindisi e Otranto, portava in Oriente. Le prime notizie storicamente certe risalgono al 1115 quando il conte Goffredo donò metà del Casale al Vescovo di Lecce per la realizzazione della Cattedrale; il feudo passò poi ai Brienne, agli Orsini del Balzo, ai D'Aragona, ai Tarantini, ai Pagan, ai Saluzzo, ai Saraceno ed infine ai Bernardini.
Palazzo baronale  a Pisignano Numerosi ed importanti sono i palazzi nobiliari distribuiti su tutti i centri del Comune: a Vernole il Palazzo baronale Bernardini del XVIII sec.; il Palazzo Severino Romano di Pisignano, del Seicento; quello baronale del Saraceno di Strudà dei secc.XVII-XVIII.
Il frantoio CAFFAImportantissime sono inoltre le presenze di antichi manufatti adibiti nei secoli alla trasformazione dei prodotti agricoli, esempi unici di archeologia industriale. Costituiscono,infatti, museo diffuso sul territorio comunale i frantoi ipogei (XV sec.), semipogei (XVII sec.) che testimoniano l'evoluzione intervenuta col tempo delle tecniche di produzione dell'olio, i palmenti per la produzione del vino, i mulini per macinare il grano, tutti prodotti agricoli tipici del Salento, ingredienti base della cucina mediterranea, ma anche da sempre oggetto di sacrale cultura: pane, vino, olio.
Masseria Visciglito Esistono sul territorio vernolese un gran numero di masserie, quasi tutte fortificate. Dal XVI secolo e fino all'800 le masserie vengono rafforzate con alte mura di cinta, ponte levatoio, fossati,feritoie e caditoie per difendere i massari dalla minaccia dei Turchi prima e dei predoni poi. Esempi visitabili di masserie fortificate sono il Casero o Casa Torre fortificata Coviello di Acquarica, Favarelle a circa 2 km da Acaya, Pier di Noha nel comprensorio di Acaya, Copertini, Visciglito a Strudà.


Porta di ingresso della cittadina di Acaja Approfondimento tutto particolare merita la cittadina di Acaya, unico esempio di città fortificata nel meridione e città ideale del Rinascimento italiano. Il castello e la città, integrate in un contesto unico, rappresentano il risultato del grande ingegno dell'architetto Gian Giacomo dell'Acaya, soprintendente alle fortificazioni di Carlo V. La città è in forma quadrangolare, con possenti bastioni a tre lati ed il castello al quarto, circondata da fossato e mura difensive sulle quali vi era un camminamento di ronda per le guardie. Il castello fu completato nel 1535-1536 ed è a struttura trapezoidale; sia questo che la cintura bastionata furono muniti, a difesa, da un doppio ordine di casematte. Il castello, collegato alla terraferma da un unico accesso, dotato all'epoca di ponte levatoio, costituiva imponente struttura militare e, nel contempo, sontuosa dimora baronale, nobilitata ed arricchita architettonicamente da due torri circolari poste a sud-ovest e nord-est. All'interno del villaggio si incontrano belle case del cinquecento in contrapposizione alle molte abitazioni popolari a schiera, tutte in pietra leccese, disposte su strade parallele e perpendicolari.
Con la morte di Gian Giacomo dell'Acaya e la vendita del feudo, nella seconda metà del Cinquecento, iniziò per Acaya il periodo di decadenza. Da qualche tempo il borgo è al centro di un'intensa attività di recupero e rilancio storico, culturale e turistico da parte del Comune di Vernole e della Provincia di Lecce.


Nota storica :
Dal 1° Gennaio 1866 (*), i comuni di Acaya, Acquarica, Pisignano, Strudà, Vanze e Vernole, vengono riuniti in un unico Comune con sede a Vernole.
Fino ad allora ciascuno aveva la sua autonomia, anche se si può riscontrare, da documenti storici, che Vernole abbia esercitato una preminenza amministrativa anche in epoca precedente.

(*) La ' Legge per l'Unificazione amministrativa del Regno d'Italia'  emanata nel marzo del 1865, consentiva di riunire comuni limitrofi, con popolazione inferiore a 1500 abitanti, che non erano in grado di sostenere da soli le spese comunali.





[ Indietro ]

Novembre 2017
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Cartoline



Museo





Ai sensi dell art. 1, comma III della L. n. 62 del 7/3/2001 si dichiara che questo sito non è un prodotto editoriale e che viene aggiornato con periodicità irregolare.

Privacy e legalità : I dati inseriti NON saranno utilizzati per altre pubblicità o spamming,
NON verranno comunicati a terzi e saranno custoditi secondo la nuova Legge sulla Privacy (D.L. 30 giugno 2003 n. 196).
Ai soli iscritti alla nostra mail-list, saranno inviati, sporadicamente, messaggi inerenti alle finalità del Sito.
Si ricorda inoltre che non è consentito usare questo strumento per fini contrari alle leggi.

Si ricorda a tutti gli Utenti di fare buon uso della Rete.
Si consiglia di visionare il sito con risoluzione video minima di 800x600

(Pagina generata in 0.0 secondi)




Scarica Ubuntu!

www.apache.org

www.linux.org         www.php.net          www.mysql.com

LibreOffice

Enciclopedia libera ad accesso gratuito


Accesso e supporto remoto via Internet con TeamViewer A S S I S T E N Z A