.: Il sito dedicato ad Acquarica di Lecce :.
 
  Home



Area Privata

Benvenuto Anonimo, se ti registri puoi accedere alle aree riservate e personalizzare il Sito.
Per registrarti clicca su
'Login Utenti'
e segui le istruzioni!

   Login Utenti
:: Amministratore ::

Visite
Pagine viste
1960574
dal Settembre 2000




Belsalento
BelSalento.it



Google
You translate the Site
in English




   Home > Foto dai cieli di > Incidente Shuttle


POSSIBILITA’ DI SOPRAVVIVENZA
DELL’EQUIPAGGIO STS-107




In meno di due settimane dopo l’incidente, su richiesta della Commissione, la NASA nominò un Gruppo di lavoro sulla possibilità di sopravvivenza dell’equipaggio dell’STS-107 al fine di comprendere meglio la causa della morte e la rottura del modulo dell’equipaggio. Il Gruppo arrivò alle seguenti conclusioni:
-Nel suo ampio riesame di tutte le documentazioni mediche e dei dati sulla salute dell’equipaggio, il Gruppo non rilevò irregolarità.
-L’Istituto Patologico delle Forze Armate e l’F.B.I. condussero analisi di medicina legale sui resti dei corpi dopo il loro recupero; si determinò che i livelli di accelerazione a cui fu sottoposto il modulo dell’equipaggio prima dello schianto, non furono letali.
-La morte dei membri dell’equipaggio fu dovuta a traumi violenti e ipossia; l’ora esatta della morte non può essere determinata a causa della mancanza di prove dirette fisiche o registrate. Tuttavia, è avvenuta dopo le ore 9:00:19 a.m.
-La valutazione medico-legale di tutti i componenti recuperati del modulo dell’equipaggio/fusoliera anteriore non mostrò alcuna prova di sovrapressurizzazione o esplosione. Tale conclusione è avallata dalla mancanza sia di prove medico-legali, sia dalla mancanza di una fonte attendibile per qualunque altra sorta di evento.
-Il cedimento del modulo dell’equipaggio fu causato dalla degradazione termica delle proprietà strutturali, la quale portò ad un rapido e catastrofico cedimento strutturale sequenziale, piuttosto che ad un istantaneo cedimento di natura "esplosiva".
-Il distacco del gruppo modulo equipaggio/fusoliera anteriore dal resto del Columbia avvenne, verosimilmente, proprio di fronte al comparto "payload"; la successiva rottura del gruppo fu il risultato di un riscaldamento balistico e di un carico dinamico. Circa la valutazione delle spaccature sugli elementi strutturali primari e secolari suggeriscono che i cedimenti strutturali avvennero a temperature elevate.
-Un’ampia ricostruzione della traiettoria stabilì la sequenza di rottura più verosimile (mostrata nella figura sotto)


dove sono indicati i calcoli sulla quantità di carico e di calore per quanto riguarda il modulo dell’equipaggio lungo la sua traiettoria ricostruita; la striscia sovrapposta alla traiettoria (che inizia circa verso le ore 9:00:58) rappresenta la finestra in cui hanno avuto origine tutti i detriti presi in esame. Si può notare che la distruzione del modulo dell’equipaggio coprì un periodo di 24" cominciando da un’altitudine di circa 140.000 feet (circa 40 km) e terminando a 105.000 feet (circa 31 km); difatti, la figura ricostruisce il rientro termico indipendentemente dai modelli aerodinamici.
-L’impronta dei detriti risultò consistente dai risultati di queste analisi di traiettoria e dei modelli; circa il 40-50% (in base al peso) del modulo dell’equipaggio fu recuperato. Ai risultati del Gruppo di lavoro si aggiungono le conoscenze acquisite dalla perdita del Challenger nel 1986; una tale conoscenza è fondamentale per gli sforzi di migliorare la possibilità di sopravvivenza dell’equipaggio quando si progettano nuovi veicoli e quando si ravvisano nuove migliorie per quelli esistenti.
-I video dell’equipaggio durante il rientro, che sono stati resi pubblici, dimostrano che le procedure prescritte per l’uso dell’equipaggiamento individuale (tute, guanti e caschi) non furono eseguite a dovere; ciò è confermato dalle conclusioni del Gruppo di lavoro secondo cui tre membri dell’equipaggio non indossavano i guanti e nessuno di loro indossava il casco; tuttavia, in tali circostanze ciò non avrebbe aumentato le loro probabilità di sopravvivenza.


<< Indietro pag. 21 Avanti >>

[ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 ]

TUTTE LE FOTO DI QUESTO ARTICOLO SONO PROTETTE DA COPYRIGHT
Traduzione ed elaborazione a cura di Luigi Merico - Pubblicazione a cura di Luigi Martano




Ai sensi dell art. 1, comma III della L. n. 62 del 7/3/2001 si dichiara che questo sito non è un prodotto editoriale e che viene aggiornato con periodicità irregolare.

Privacy e legalità : I dati inseriti NON saranno utilizzati per altre pubblicità o spamming,
NON verranno comunicati a terzi e saranno custoditi secondo la nuova Legge sulla Privacy (D.L. 30 giugno 2003 n. 196).
Ai soli iscritti alla nostra mail-list, saranno inviati, sporadicamente, messaggi inerenti alle finalità del Sito.
Si ricorda inoltre che non è consentito usare questo strumento per fini contrari alle leggi.

Si ricorda a tutti gli Utenti di fare buon uso della Rete.
Si consiglia di visionare il sito con risoluzione video minima di 800x600

(Pagina generata in 0.1 secondi)




Scarica Ubuntu!

www.apache.org

www.linux.org         www.php.net          www.mysql.com

LibreOffice

Enciclopedia libera ad accesso gratuito


Accesso e supporto remoto via Internet con TeamViewer A S S I S T E N Z A