.: Il sito dedicato ad Acquarica di Lecce :.
 
  Home



Area Privata

Benvenuto Anonimo, se ti registri puoi accedere alle aree riservate e personalizzare il Sito.
Per registrarti clicca su
'Login Utenti'
e segui le istruzioni!

   Login Utenti
:: Amministratore ::

Visite
Pagine viste
1960539
dal Settembre 2000




Belsalento
BelSalento.it



Google
You translate the Site
in English




   Home > Foto dai cieli di > Incidente Shuttle


SALVATAGGIO DELL’EQUIPAGGIO
STS-107 CON ATLANTIS




Accelerare la procedura di lancio dell’Atlantis ed il successivo "incontro" col Columbia, era il compito più arduo nello scenario del recupero. Al 4° giorno di volo del Columbia, l’Atlantis si trovava al Kennedy Space Center con installati i suoi reattori principali a 41 giorni dal suo lancio programmato per il 1° marzo dello stesso anno. I razzi impulsori erano già assemblati al Booster esterno; lavorando con turni di tre ore per sette giorni alla settimana, dal 10 febbraio l’Atlantis poteva essere preparato al lancio senza trascurare i test necessari. Se il conto alla rovescia ed il successivo lancio fossero stati esenti da problemi, si poteva ottenere una finestra di 5 giorni (dal 10 al 15 febbraio) nei quali l’Atlantis avrebbe "incontrato" il Columbia prima che le risorse di quest’ultimo si esaurissero. Secondo le registrazioni, le condizioni meteo di quei giorni consentivano il lancio; l’Atlantis sarebbe stato lanciato con un equipaggio composto da 4 uomini: il comandante, il pilota e due astronauti addestrati alle "passeggiate" nello spazio. A gennaio erano disponibili 7 comandanti, 7 piloti e 9 astronauti addestrati; durante l’incontro del primo giorno in orbita dell’Atlantis, i due shuttle avrebbero eseguito le manovre per trovarsi di fronte l’un l’altro con le porte dei rispettivi comparti "payload" aperte (vedi fig. successiva). I membri del Columbia si sarebbero trasferiti sull’Atlantis "camminando" nello spazio; l’Atlantis sarebbe rientrato con i suoi 4 membri sul ponte di volo ed i 7 membri del Columbia sul ponte di mezzo. Il Centro di Missione avrebbe allora configurato il Columbia per una manovra di ammaraggio nell’Oceano Pacifico, oppure, avrebbe portato il columbia col suo equipaggio ad un’orbita superiore per una possibile missione di riparazione successiva (nel caso si fossero potute effettuare riparazioni più complete).


<< Indietro pag. 25 Avanti >>

[ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 ]

TUTTE LE FOTO DI QUESTO ARTICOLO SONO PROTETTE DA COPYRIGHT
Traduzione ed elaborazione a cura di Luigi Merico - Pubblicazione a cura di Luigi Martano




Ai sensi dell art. 1, comma III della L. n. 62 del 7/3/2001 si dichiara che questo sito non è un prodotto editoriale e che viene aggiornato con periodicità irregolare.

Privacy e legalità : I dati inseriti NON saranno utilizzati per altre pubblicità o spamming,
NON verranno comunicati a terzi e saranno custoditi secondo la nuova Legge sulla Privacy (D.L. 30 giugno 2003 n. 196).
Ai soli iscritti alla nostra mail-list, saranno inviati, sporadicamente, messaggi inerenti alle finalità del Sito.
Si ricorda inoltre che non è consentito usare questo strumento per fini contrari alle leggi.

Si ricorda a tutti gli Utenti di fare buon uso della Rete.
Si consiglia di visionare il sito con risoluzione video minima di 800x600

(Pagina generata in 0.0 secondi)




Scarica Ubuntu!

www.apache.org

www.linux.org         www.php.net          www.mysql.com

LibreOffice

Enciclopedia libera ad accesso gratuito


Accesso e supporto remoto via Internet con TeamViewer A S S I S T E N Z A